Anima Carnis In Sanguine Est

Coreografia e regia Giuseppe Muscarello| con Jessica De Masi, Federica Marullo, Zahirah Renzi | costumi Jessica De Masi | disegno luci Giuseppe Muscarello | produzione Muxarte, Fc@pin .D'oc | in collaborazione con Officine Ouragan, Teatro Libero Palermo| con il sostegno di Regione Sicilia, MIBACT Ministero per I Beni e le Attività Culturali e del Turismo

 

Il sangue, elemento essenziale della vita, ha assunto nel tempo molteplici significati di tipo simbolico. Nei testi sacri è ricorrente il concetto restrittivo della impurità, insieme ad esso è anche presente l’importanza del sangue quale elemento primo della vita e simbolo del sacrificio nelle pratiche religiose: "anima carnis in sanguine est” ovvero "lo spirito dell’essere vivente è nel sangue".

 

Quattro donne “cadono” dentro i loro corpi, si relazionano in modo viscerale e ci narrano la vita, cercano di comunicare con il loro dio per poi accorgersi che dio non ha un linguaggio così semplice quale è quello umano. Tutto quanto filtrato è visto attraverso l'universo femminile: santa, peccatrice, amante, moglie, angelo, diavolo oltre che carnalità e sensualità.

 

Ma l'archetipo della donna è la mamma che molto spesso si mimetizza in un'immagine sacra ma sarebbe capace di umiliare e forse uccidere il proprio figlio... “Tu sei sangue del mio sangue” recita una frase che spesso un genitore usa dire ai propri figli determinando l'illusione di avere pieno possesso della loro vita. Dietro l'angolo è in agguato un paradosso: la madre troppo spesso è la persona più pericolosa nella quale -impotenti!- ci possiamo imbattere.

 

                                                                                                                                                                  Giuseppe Muscarello